Statuto

ART. 1 – DENOMINAZIONE

E’ costituita l’Associazione Toscana Bambini e Giovani con Diabete, con sede legale in Firenze.
Per semplificare detta Associazione potrà essere citata, come nel presente Statuto, con la sigla – A.T.B.G.D. – sigla che viene adottata anche col proprio simbolo di distinzione come descritto nell’art. 24 del presente Statuto.

ART. 2 – SEDE SOCIALE E AMMINISTRATIVA

La sede sociale e amministrativa dell’A.T.B.G.D. è in Via Del Padule, 34
50018, Scandicci, FI.

ART. 3 – DURATA

L’A.T.B.G.D. ha durata illimitata.

ART. 4 – PRINCIPI

L’A.T.B.G.D. fonda la propria struttura sui principi della solidarietà e della democrazia e non persegue scopi di lucro.

ART. 5 – SCOPI DELL’ A.T.B.G.D.

Sono scopi dell’A.T.B.G.D.:
a – Promuovere con ogni mezzo la conoscenza del diabete mellito di tipo 1
o insulinodipendente per favorirne la diagnosi precoce e la cura efficace.
b – Educare il bambino e il giovane con diabete ed i loro nuclei familiari
all’autocontrollo e all’autogestione della condizione diabetica.
c – Contribuire all’educazione e alla promozione della coscienza
sociale della condizione diabetica.
d – Promuovere attività ricreative, educative, sportive per favorire l’inserimento
del bambino e del giovane con diabete nel sociale.
e – Seguire come interlocutore delle istituzioni pubbliche e private operanti nel
settore, l’attuazione di tutte le leggi statali e regionali e comunque di tutte le
norme, sia in vigore che emanande, relative al diabete mellito e ad ogni
aspetto ad esso collegabile.
f – Seguire l’evoluzione della ricerca nel campo del diabete mantenendo
stretti contatti con altre Associazioni italiane ed estere.
g – Reperire fondi da destinare a studi e/o ad iniziative rivolte ad una maggiore
conoscenza della condizione diabetica.

ART.6 – PATRIMONIO

Il patrimonio dell’A.T.B.G.D. è costituito dalla quota annuale versata da ogni socio, nella misura stabilita annualmente dal Consiglio Direttivo con ratifica dell’Assemblea, nonché da utili derivanti da manifestazioni, da contributi straordinari, da donazioni e lasciti testamentari, da contributi dello Stato, di enti o d’istituzioni pubbliche, da rimborsi derivanti da convenzioni ovvero da entrate derivanti da attività commerciali e produttive marginali.

In caso di scioglimento dell’A.T.B.G.D., tutti i beni della stessa che rimarranno al termine della fase della liquidazione, saranno devoluti ad altre Associazioni aventi scopi analoghi a quelli indicati nel presente statuto.

ART 7 – ESERCIZIO FINANZIARIO

L’esercizio finanziario dell’A.T.B.G.D. inizia il 1 Gennaio e termina il 31 Dicembre di ogni anno solare.

Alla scadenza di ciascun esercizio verranno predisposti dal Consiglio Direttivo un bilancio consuntivo ed un preventivo per l’esercizio successivo da sottoporre all’Assemblea.
E’ fatto divieto all’Associazione di distribuire, anche in modo indiretto, utili ed avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’organizzazione a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre associazioni che facciano parte della medesima struttura per legge, statuto o regolamento.
Gli utili e gli avanzi di gestione dovranno essere impiegati obbligatoriamente per la realizzazione delle attività istituzionali o di quelle ad esse direttamente connesse.

ART 8 – ADESIONI

Possono essere soci dell’A.T.B.G.D. oltre ai giovani maggiorenni con diabete, nonché entrambi i genitori, o i tutori, o coloro che comunque esercitino la podestà sui bambini e giovani con diabete ancora minorenni, anche tutti coloro che hanno interesse a perseguire gli scopi sociali di cui all’art.5. La qualifica di socio si acquista mediante il primo versamento del contributo annuale che verrà considerato quale formale domanda. II Consiglio Direttivo, qualora riconosca tale domanda in contrasto con le norme del presente Statuto, può respingerla con delibera che, unitamente all’importo del versamento, dovrà essere spedita entro quindici giorni da quando il versamento era pervenuto.

Tutti i soci hanno uguali diritti ed uguali obblighi nei confronti dell’associazione e sono tenuti a pagare una quota associativa annua che verrà determinata dal Consiglio Direttivo con delibera da emettere entro il mese di dicembre di ogni anno e valida per l’anno successivo.

L’ammissione all’associazione non può essere effettuata per un periodo temporaneo. Tuttavia è in facoltà di ciascun associato recedere dall’associazione mediante comunicazione in forma scritta inviata all’associazione.

Le quote sociali sono intrasferibili.

L’esclusione del socio per gravi motivi, ai sensi dell’art. 24 del Codice Civile, è deliberata dal Consiglio Direttivo.

I soci recedenti od esclusi e che, comunque abbiano cessato di appartenere all’associazione, non possono riprendere i contributi versati e non possono vantare alcun diritto sul patrimonio dell’associazione.

Il mancato versamento del contributo annuale per oltre due anni comporta l’automatica decadenza dalla qualifica di socio.

ART 9 – DIRITTI DEI SOCI

I diritti dei soci sono:

– Partecipare alle Assemblee e alle operazioni di voto.
– Eleggere le cariche dell’A.T.B.G.D. ed essere eletti.
– Chiedere la convocazione dell’Assemblea nei termini previsti dal presente Statuto.
– Formulare proposte nell’ambito dei programmi dell’A.T.B.G.D.
– Partecipare alla vita associativa.

ART. 10 – DOVERI DEI SOCI

I doveri dei soci sono:

– Rispettare le norme del presente Statuto.
– Provvedere al pagamento della quota associativa entro i termini stabiliti.
– Non compiere atti che danneggino gli interessi e l’immagine dell’A.T.B.G.D.

ART. 11 – ORGANI DELL’ A.T.B.G.D.

Sono organi dell’A.T.B.G.D.:

– l’Assemblea Generale dei soci,
– il Consiglio Direttivo,
– il Presidente,
– il Collegio dei Probiviri.

ART. 12 – ASSEMBLEA GENERALE – composizione e funzioni

L’Assemblea Generale è composta da tutti i soci.

L’Assemblea è sovrana ed è il massimo organo dell’A.T.B.G.D.

Sono compiti dell’Assemblea:
– Determinare orientamenti generali e prendere decisioni fondamentali e di indirizzo cui deve attenersi il Consiglio Direttivo.
– Approvare e modificare il bilancio preventivo
– Approvare il bilancio consuntivo.
– Eleggere, con voto segreto, il Consiglio Direttivo, il Collegio dei Probiviri.
– Modificare e/o revisionare il presente Statuto.
– Deliberare sull’eventuale scioglimento dell’A.T.B.G.D. e su quanto ad essa riservato per legge.
– Approvare e modificare l’ammontare delle quote associative.

ART. 13 – ASSEMBLEA GENERALE – convocazione e deliberazioni

L’Assemblea si distingue in ordinaria e straordinaria.

L’Assemblea Generale si riunisce, in via ordinaria per tutti gli adempimenti, almeno una volta l’anno entro il mese di Febbraio ed è convocata dal Presidente che ne fissa l’ordine del giorno.

L’Assemblea può, inoltre, essere convocata in via straordinaria su delibera del Consiglio Direttivo o su richiesta di almeno un decimo degli iscritti che indicheranno gli argomenti da porsi all’ordine del giorno.

L’Assemblea è valida in prima convocazione con la presenza della metà più uno dei suoi componenti, in seconda convocazione con la presenza di almeno un quinto dei suoi componenti.

Le deliberazioni dell’Assemblea ordinaria e straordinaria sono prese a maggioranza dei voti dei presenti.

Le modifiche allo Statuto sono deliberate a maggioranza semplice con la presenza di almeno due terzi dei partecipanti aventi diritto di voto.

Ogni socio ha diritto ad un voto.

Ciascun socio potrà essere portatore di una sola delega, purché non sia membro del Consiglio Direttivo.

L’avviso di convocazione dell’Assemblea deve essere spedito a cura del Presidente a mezzo lettera o con qualsiasi altro mezzo di trasmissione, con almeno dieci giorni di anticipo sulla data della riunione.

L’avviso deve contenere: la data dell’Assemblea, il luogo di svolgimento della stessa, l’ora della prima e della seconda convocazione e gli argomenti all’ordine del giorno.

Presiede l’Assemblea il Presidente dell’associazione ovvero persona designata dall’assemblea.

Il Presidente, durante l’Assemblea, nomina in occasione di elezioni due scrutatori.

Delle riunioni assembleari deve essere redatto verbale firmato dal Presidente e dal Segretario.

ART. 14 – CONSIGLIO DIRETTIVO – composizione, elezione e durata

I1 Consiglio Direttivo è composto da sette a nove membri che sono eletti dall’Assemblea Generale con voto segreto, durano in carica quattro anni e sono rieleggibili.

Il Consiglio Direttivo nella sua prima riunione procede alle elezioni nel suo seno, del Presidente, del Vicepresidente che sostituisce il Presidente nelle sue funzioni in caso di assenza o di impedimento e del Tesoriere. Nomina, inoltre, il Segretario dell’A.T.B.G.D., coloro che devono rappresentare l’A.T.B.G.D. nelle varie Commissioni, Organi e Associazioni regionali e Nazionali ed assegna altri eventuali incarichi.

Il Consiglio Direttivo può avvalersi anche della collaborazione di altri soci non facenti parte dello stesso ma ritenuti idonei a rappresentare l’A.T.B.G.D. negli ambiti in cui essa opera.

ART 15 – I COMPITI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo è l’organo esecutivo ed amministrativo dell’A.T.B.G.D., pertanto i suoi compiti sono:
– Predisporre tutta la documentazione relativa agli argomenti posti all’ordine del giorno dell’Assemblea Generale.
– Eseguire i deliberati dell’Assemblea.
– Adottare tutti i provvedimenti necessari al buon funzionamento dell’A.T.B.G.D.
– Redigere annualmente il bilancio preventivo e consuntivo.
– Mantenere contatti aggiornati.
– Determinare l’importo della quota associativa annua da sottoporre a ratifica dell’Assemblea.
– Deliberare sull’ammissione ed esclusione dei soci.

Al Consiglio Direttivo spettano indistintamente tutti i poteri sia di ordinaria che di straordinaria amministrazione con facoltà di delegare i poteri stessi al Presidente o a uno dei suoi membri.

ART. 16 – CONSIGLIO DIRETTIVO – riunioni e deliberazioni

Le riunioni del Consiglio Direttivo sono valide quando ad esse sia presente almeno la metà più uno dei componenti.

Il Consiglio approva le proprie deliberazioni con il metodo del voto palese ed esse risultano valide quando ottengono il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

Il Consiglio si riunisce normalmente una volta al mese e/o quando il Presidente lo ritenga opportuno. Le riunioni sono presiedute dal Presidente o in sua assenza, dal Vicepresidente.

Le riunioni sono convocate dal Presidente con qualsiasi mezzo di trasmissione e l’avviso di convocazione deve contenere gli argomenti all’ordine del giorno, l’ora, la data e il luogo dove avverrà la riunione.

Il Consigliere che risulti assente ingiustificato per tre riunioni consecutive può essere escluso dal Consiglio.

Di tutte le riunioni del Consiglio Direttivo deve essere redatto un verbale a cura del Segretario controfirmato dal Presidente e trascritto su apposito registro.

ART. 17 – IL PRESIDENTE

I1 Presidente del Consiglio Direttivo ha la legale rappresentanza dell’A.T.B.G.D., sta in giudizio verso terzi per la tutela degli interessi morali e materiali dell’A.T.B.G.D. della quale ha anche la rappresentanza esterna.

ART. 18 – IL TESORIERE

Il Tesoriere dell’A.T.B.G.D. viene eletto dal Consiglio Direttivo nel suo seno; egli ha la responsabilità gestionale e la custodia dei conti dell’A.T.B.G.D. dai quali egli stesso può prelevare le somme occorrenti per la normale gestione dell’A.T.B.G.D.

Il Tesoriere redige la relazione dei bilanci consuntivo e preventivo da presentare annualmente all’Assemblea dei soci.

Il Tesoriere cura altresì la tenuta di un libro cassa.

ART. 19 – IL COLLEGIO DEI PROBIVIRI

Il Collegio dei Probiviri è composto da tre membri eletti dall’Assemblea con l’espressione di una sola preferenza da parte di ciascun Socio.

Il Collegio dura in carica quanto il Consiglio Direttivo ed i suoi membri sono rieleggibili.

Il Collegio ha il compito di istruire, arbitrare e risolvere le eventuali controversie tra i soci, tra questi e l’A.T.B.G.D. o tra i vari organi della stessa.

Esso giudicherà ex bono et ex equo.

ART.20 – IL SEGRETARIO

Il Segretario è eletto a maggioranza in seno al Consiglio Direttivo; egli cura la redazione dei verbali delle riunioni del Consiglio, attende alla corrispondenza, custodisce e aggiorna il libro dei verbali assembleari, provvede alle affissioni e all’invio delle comunicazioni sociali, trasmette le convocazioni tanto del Consiglio che dell’Assemblea.

Il Segretario cura altresì la tenuta del libro dei soci, del libro dei verbali delle assemblee e del libro dei verbali del Consiglio Direttivo.

Detti libri devono essere in ogni momento consultabili dai soci che hanno altresì diritto di chiedere estratti a loro spese.

ART.21 – SOSTITUZIONI

Il Consiglio Direttivo, per vacanza comunque determinata di un suo componente, sarà integrato direttamente dallo stesso Consiglio con il primo dei non eletti nella rispettiva graduatoria.

Qualora detta graduatoria dovesse essere esaurita, o non disponibile, l’Assemblea Generale procederà all’elezione del nuovo o dei nuovi consiglieri.

Il Consigliere così nominato resterà in carica sino alla successiva assemblea.

ART. 22 – GRATUITA’ – INCOMPATIBILITA’

Tutte le cariche sociali previste nel presente Statuto sono gratuite, così come le prestazioni fornite dagli aderenti all’A.T.B.G.D.

Le cariche degli organi dell’A.T.B.G.D. sono tra di loro incompatibili e nessun candidato è eleggibile a più di una di esse.

Art. 23 LOGO DELL’A.T.B.G.D.

Il logo dell’A.T.B.G.D. è costituito da due mani unite, stilizzate, una di forma più piccola ed una di forma più grande, con a lato la scritta Associazione Toscana Bambini e Giovani con Diabete.

Il logo è modificabile solo dall’Assemblea Generale dei soci

ART. 24 – REGOLAMENTO

Il Consiglio Direttivo ha la facoltà di redigere un regolamento da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea ordinaria ai fini del raggiungimento degli scopi e degli obiettivi previsti dal presente Statuto.

ART. 25 – NORME FINALI

Per quanto non espressamente previsto dal presente Statuto si fa riferimento alla legge quadro del volontariato (Legge 11/VIII/91 n° 266), al D. Lgs. 4 dicembre 1997 n° 460 ed alle leggi che regolano la materia.

Il presente statuto entra in vigore in sostituzione di quello in corso, dopo l’approvazione dell’Assemblea ordinaria dei soci del 06 Febbraio 2005.